CENSIMENTI

ISPEZIONI

VERIFICHE

PIANIFICAZIONI

SISMICA

CENSIMENTO DI PONTI E VIADOTTI

Il Censimento costituisce la base fondamentale per la conoscenza del proprio patrimonio infrastrutturale. L’intensità informativa del Censimento può spingersi all’acquisizione di più dati di tipo visivo e/o geometrico, ma comunque non deve mai interessare il campo della valutazione o descrizione dello stato di degrado o dell’interpretazione delle capacità portanti, compiti ben definiti dalle Ispezioni Visive o dalle Indagini Sperimentali.

Il primo passo è l’individuazione delle opere da censire, che, basandosi sulle dimensioni, è generalmente estesa a tutte quelle con luce netta superiore ai 2 m. Questa scelta comporta l’inserimento anche di strutture di tipo a tombone, che pur essendo semplici e a volte poco visibili possono rappresentare un pericolo per la viabilità (per un’eventuale ostruzione, un cedimento, etc.), e come tali vanno censite e ispezionate.

Definite le strutture da censire, si procede alla scelta della metodologia di inquadramento geografico: le strade, le ferrovie ed i fiumi sono univocamente definiti dalla progressiva chilometrica (per i corsi d’acqua dove possibile), perciò le opere d’arte infrastrutturali possono essere catalogate individuandone l’inizio sulla prima linea di giunto nel senso della chilometrica crescente.

Tutti i dati derivanti dal Censimento si integrano con le informazioni richieste sia dal D.M. n. 430 del 8 ottobre 2019 e sia dalle linee guida del M.I.T. di maggio 2020.

Scheda tipo cartacea – Prima pagina

Il Censimento, utilizzando una Scheda di Acquisizione (in formato cartaceo o informatico), prevede la raccolta di numerosi dati come:

  • Identificazione: linea stradale/ferroviaria, progressiva chilometrica, nome, limitazioni di carico;
  • Dati amministrativi: proprietario, ente concessionario, località, ostacolo oltrepassato, etc.;
  • Dati geometrici: lunghezza totale, larghezza impalcato, altezza utile, pendenze, etc.
  • Dati costruttivi: fondazioni, pile, travi, giunti, appoggi, etc;
  • Campate e pile: quantità, tipologia, sezione, materiale;
  • Dati d’ufficio: classe stradale, rete TEN, TGM, elementi critici, etc.